Termini per il recesso

Il consumatore può recedere, senza dare alcuna giustificazione e senza penalità, inviando al venditore una comunicazione scritta tramite raccomandata a/r entro 10 giorni lavorativi
dalla data di conclusione del contratto (per i servizi) o di consegna della merce (per i beni).  
Nel caso in cui il consumatore non sia stato informato del diritto di recesso, il termine diventa di 2 mesi per i contratti fuori dai locali commerciali e 3  mesi per i contratti a distanza.
Nel caso in cui, al momento del recesso, la consegna del bene sia già stata effettuata, il consumatore è tenuto a restituirlo al venditore, secondo le modalità previste dal contratto.   
Le spese per la riconsegna della merce gravano sul consumatore, salvo che non sia previsto diversamente.    
Il termine  per la restituzione non può comunque essere inferiore a 10 giorni lavorativi.